Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_lima

Stato civile

 

Stato civile

L'Ufficio di Stato Civile della Cancelleria Consolare dell'Ambaciata d'Italia si occupa, come un Comune italiano, delle iscrizioni, annotazioni e tenuta dei quattro Registri di Stato Civile: cittadinanza, nascita, matrimonio e morte. Per ognuna di questi, l'Ufficio ha anche la competenza a rilasciare certificati dei documenti depositati agli atti che attestino appunto lo "stato civile" di ciascun individuo.

In particolare, l'Ufficio Consolare riceve gli atti emessi dalle Autorità straniere e li trasmette ai Comuni italiani per la trascrizione.

Requisiti necessari per avere il diritto di iscrivere gli atti di stato civile e/o ottenere i relativi certificati presso gli uffici di sato civile:

Il cittadino italiano che ha fissato la sua residenza all'estero, per poter registrare nascite, matrimoni o decessi (e ottenere i relativi certificati), deve prima iscriversi all'A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero).


VARIAZIONI DI STATO CIVILE


NASCITA

Iscrizione della nascita dei figli minori di un cittadino italiano all'estero


I figli di cittadini entrambi italiani o di almeno uno dei due genitori con cittadinanza italiana, anche se nati all'estero ed eventualmente in possesso di un'altra cittadinanza, sono cittadini italiani. Pertanto la loro nascita deve essere registrata in Italia.

Si consiglia vivamente di effettuare la iscrizione entro 1 mese dalla nascita, nell'interesse del minore.

Per effettuare la comunicazione di una nascita, bisogna presentarsi all'Ufficio Consolare dell'Ambasciata d'Italia con i seguenti documenti:

  1. atto di nascita, originale tradotto in lingua italiana da un traduttore ufficiale. L'atto e la traduzione dovranno essere legalizzate (Apostille) dal Ministero degli Affari Esteri del Perù;
  2. documentazione comprovante la cittadinanza italiana di almeno uno dei genitori  (carta d'identità, passaporto italiano o certificato di cittadinanza italiana);
  3. copia semplice dell'atto di nascita del padre o madre che non è cittadino italiano;
  4. richiesta di trascrizione (visitare la pagina "modulistica");
  5. scheda personale e fotocopia del DNI del minorenne.   


MATRIMONIO   

Iscrizione in Italia del matrimonio all'estero di cittadini italiani:

Il matrimonio celebrato all'estero, per avere valore in Italia, deve essere trascritto presso il Comune italiano competente.

Il cittadino italiano regolarmente iscritto all'A.I.R.E. dovrà rivolgersi al Comune peruviano per sollecitare le pubblicazioni di matrimonio, e potrà poi contrarre matrimonio innanzi alle Autorità straniere competenti o presso l'Ufficio Consolare, in questo ultimo caso a condizione che le leggi locali non si oppongano.

Dopo aver contratto il matrimonio, l'interessato potrà presentare all'Ufficio Consolare:

  1. l'atto di matrimonio rilasciato dalle Autorità locali, in originale e tradotto in lingua italiana da un traduttore ufficiale;
  2. l'atto di matrimonio e traduzione dovranno essere legalizzate (Apostille) dal Ministero degli Affari Esteri del Perù;
  3. richiesta di trascrizione del matrimonio;
  4. scheda personale del cittadino italiano;
  5. copia del passaporto del cittadino italiano;
  6. copia del passaporto del coniuge peruviano;
  7. copia dell'atto di nascita del coniuge peruviano.


MORTE

Iscrizione in Italia del decesso di un cittadino italiano non residente all'estero

La morte di un cittadino italiano avvenuta all'estero deve essere trascritta in Italia.

I documenti necessari per registrare il decesso sono:

  • atto di morte originale tradotto in lingua italiana da un traduttore ufficiale. L'atto e la traduzione dovranno essere legalizzate (Apostille) dal Ministero degli Affari Esteri del Perù.

Gli atti dovranno essere consegnati all'Ufficio Consolare dell'Ambasciata, da lunedì a venerdì, tranne giovedì, dalle 09:00 all'11:00 a.m.. È necesario compilare la richiesta di trascrizione degli atti (scaricarla qui).


IMPORTANTE

Non possono essere trascritti nei Regristri Civili Italiani gli atti di stato civile redatti all'estero prima della data del R.D. 15/11/1865 nº 2602 e ai sendi dell'articolo 51 del R.D. 1238/1939 del Regolamento dello Stato Civile.  

I nomi, cognomi, luogo e data di nascita e altri dati indicati negli atti, dovranno essere accuratamente rivisti dagli interessati, al fine di verificare che non ci siano errori sui documenti. Nel caso in cui si verificassero degli errori di dovrà procedere obbligatoriamente alle correzioni giudiziali o notarili.

Caso contrario la richiesta non sarà accettata.

  • I figli naturali dovranno essere riconosciuti da entrambi i genitori.
  • Gli atti iscritti d'ufficio dovranno contenere il riconoscimento di entrambi i genitori, se si tratta di figlio naturale; e di uno dei genitori se si tratta di figlio legittimo.
  • In caso gli atti di stato civile fossero iscritti per ordine giudiziaria, si dovrà  allegare copia della sentenza dell'ordine di iscrizione debitamente legalizzata e tradotta in lingua italiana e fotocopia semplice.
  • Insieme alla consegna degli atti di stato civile sopra menzionati, si dovrà allegare una scheda personale (scaricarla qui) debitamente compilata da ogni cittadino italiano che sollecita la trascrizione e/o titolare dell'atto, inserendo una fotografia del titolare della scheda. Per la compilazione delle schede delle persone decedute, si dovrà indicare la data di morte nel posto destinato alla fotografía. Le schede sono anche a disposizione degli interessati presso l'Ufficio Consolare.     


DIVORZI PERUVIANI - Riconoscimento in Italia delle sentenze straniere
Legge 31/5/1995, n. 218 di Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato


La legge è entrata in vigore a partire del 1 settembre 1995, con l'eccezione degli articoli dal n. 64 al 71 in relazione alla validità delle sentenze e dei documenti stranieri, articoli che sono entrati in vigore il 31 dicembre 1996. 

Documenti richiesti per il riconoscimento del divorzio straniero (peruviani) in Italia

Sentenza di divorzio contenente:

  • domanda giudiziale;
  • sentenza di separazione e divorzio assoluto;
  • udienza di conciliazione;
  • la ratifica della Corte Superiore (consensuale e applicabile);
  • la notifica alle parti; 

legalizzate da:

  • specialista legale o segretario di tribunale o notaio;
  • corte superiore di giustizia;
  • Ministero degli Affari Esteri del Perù;

e tradotta in lingua italiana da un traduttore ufficiale

L'atto di matrimonio legalizzata per l'estero e tradotta in lingua italiana, contenente lo scioglimento del vincolo matrimoniale.

Si dovranno anche compilare le schede:

  1. Istanza di divorzio
  2. Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà

Presentarsi all'Ufficio Consolare dell'Ambasciata d'Italia da lunedì a venerdì, tranne giovedì, dall'8:00 am all'11:00 am.


MATRIMONIO IN PERÙ

Requisiti per un cittadino(a) italiano(a) per contrarre matrimonio con un cittadino(a) peruviano(a) in Perù

Richiedere presso il Comune di residenza in Italia:

  • atto di nascita, cittadinanza e residenza, contenente i nomi dei genitori;
  • stato libero;
  • i documenti sopra menzionati dovranno essere legalizzati in Italia dal Prefetto della provincia e dal Consolato peruviano competente in Italia.

In Perù, tali documenti dovranno essere tradotti in lingua italiana da un traduttore ufficiale e successivamente legalizzati (Apostille) dal Ministero degli Affari Esteri del Perù.

Per i cittadini italiani divorziati è necessario presentare la sentenza di divorzio, debitamente legalizzata dal Consolato peruviano competente in Italia e tradotto in lingua spagnola (stessa procedurra per gli altri documenti indicati), e l'atto di matrimonio con la scritta del divorzio.

Una volta celebrato il matrimonio, dovrá iscriversi presso l'Ambasciata secondo le seguenti istruzioni:

Consegnare allo sportello dell'Ufficio Consolare:

  • Atto di matrimonio in originale tradotto in lingua italiana da un traduttore ufficiale. L'atto e la traduzione dovranno essere legalizzati (Apostille) dal Ministero degli Affari Esteri del Perù;
  • Atto di nascita del coniuge, per uso nazionale e senza traduzione.


Come debbono essere presentati gli atti di stato civile

Seguire le istruzioni indicate in precedenza.

Se dopo di celebrarsi il matrimonio e di essere iscritto presso l'Ufficio Consolare, la decisione è di risiedere in Italia, il coniuge peruviano dovrà sollecitare il visto di "familiari al seguito", presentando allo sportello dell'Ufficio Visti - previo appuntamento come si indica in detta sezione.



83